Mario D'Agostino

Medico Chirurgo

 
Mario d'Agostino - buona politica per il territorio! Mario D'Agostino - onest?á e coerenza! Mario D'Agostino - seriet?á e concretezza!

A proposito della Villa San Pancrazio...

In riferimento alla questione della “Domus Romana” di Villa San Pancrazio, questo Assessorato è stato chiamato in causa in data 31.07.2015, quando l’archeologo Lorenzo Campagna ha prospettato, in tutta la sua evidenza, la straordinaria importanza del sito. Nella consapevolezza dell’ importanza dei ritrovamenti archeologici e nella urgenza dei tempi, abbiamo immediatamente attivato un tavolo di raccordo tra gli Enti coinvolti; al tempo stesso, con la tempestività che la situazione richiedeva, la dott.sa Maria Costanza Lentini nella qualità di Direttore responsabile del Parco archeologico di Naxos, con lettera inviata all’Assessore Regionale esprimeva un parere favorevole al diritto di prelazione per la Villa San Pancrazio. La risposta giunta in data 03.08.2015, nelle testuali parole della Dott.ssa Caterina Perino, Dirigente del Servizio di tutela Beni Culturali Regione Sicilia, è di quelle che non vorremmo mai sentire; ovvero, la comunicazione di “non poter procedere all’acquisto in via di prelazione degli immobili di che trattasi, per mancata capienza nel pertinente capitolo di spesa”. Non abbiamo i fondi, questa è la sostanza della risposta. Il tavolo di raccordo si è tenuto in data 07.08.2015, alla presenza dei rappresentanti dei quattro Enti, al fine di elaborare una strategia comune; presente per conto dell’amministrazione attiva il sottoscritto, Assessore con delega alla Cultura; Maria Costanza Lentini, Direttore del Parco di Naxos; per conto della Università di Messina il responsabile scientifico dei lavori, professore Lorenzo Campagna; l’architetto Lidia Signorino, dirigente al Parco archeologico di Naxos. Nella stessa data del 07.08.2015 con la nota n. 2643 ( sempre in tempi da record!) a firma della dott.ssa Maria Costanza Lentini, giunge il nulla osta all’esercizio del diritto di prelazione da parte, questa volta, del Comune di Taormina; peccato che si tratti di un esborso pari a 1.700.000 euro; non li ha la Regione, figuriamoci se può permetterselo un Comune in situazione di cassa critica come, attualmente, il nostro! Da giorno 7 agosto ad oggi, ovvero giorno 10 agosto , si sono intensificati gli incontri, le telefonate, le valutazioni congiunte, gli scambi di opinioni. Particolarmente, sono in atto delle verifiche sull’esattezza del percorso che ha condotto all’atto di compravendita della Villa San Pancrazio da parte di terzi; ma su questo, naturalmente, saranno i legali ad esercitare un ruolo di primo piano. In parole povere, non solo per il caso in questione non si è perso tempo, ma al contrario poche volte si è visto un dinamismo simile! Anche perché, ovviamente, i tempi sono veramente stretti, e la posta in gioco è davvero alta. Tutte le Istituzioni coinvolte hanno dato prova di compattezza e grande collaborazione, anche rinviando le ferie pur di non trascurare ogni possibile ipotesi da poter sviluppare. Non possiamo sapere che evoluzione avrà questa delicata vicenda; certamente, però, piuttosto che limitarci alla indignazione oggi, dovremmo rivolgere uno sguardo al passato chiedendoci come mai ci si renda conto solo adesso ( e quasi per casualità!) del bene inestimabile che Taormina rischia di perdere per superficialità o debole incidenza della attività amministrativa. Adesso è corsa contro il tempo, e quando la casa brucia, diventa spesso troppo tardi per salvarla; questo non ci esime, comunque ,dal tentare tutte le strade che possano condurre al migliore risultato; al contrario, nulla verrà lasciato di intentato se funzionale alla salvaguardia del nostro patrimonio archeologico. Mario D’Agostino

lunedě 10 agosto 2019

Video politica

Incontro elettorale a Taormina del 21 ottobre 2012
Vedi tutti

Video professione

Sanit?á in pillole - Puntata 8 - Il tumore del colon
Vedi tutti